news

Gruppo di lavoro banche Cedacri

La misura dei costi dei servizi ai fini normativi e di efficienza

26 novembre 2015   -  Presso Cedacri

Collecchio - Parma
Ore 9.30 – 16.00

Premessa

Sempre più banche usano i modelli cosiddetti "a costo standard" di matrice industriale per la misura dei costi di erogazione unitari per ogni servizio rilasciato alla clientela, il calcolo dell'efficienza, il dimensionamento delle risorse. Con questa consapevolezza, come ogni anno, creiamo più forum di incontro tra gli utenti dei nostri modelli di misura (ACTIVCOST e BENCHCOST), aperti anche a tutte le banche che intendono usarli a breve, al fine di creare un'occasione per confrontarsi, crescere e arricchire il patrimonio professionale.

Le norme formali e obbligatorie per le banche sono varie e di complessa interpretazione e vanno dal testo unico bancario, da circolari della vigilanza relative alla trasparenza a interpretazioni della magistratura, oltre che alla generale normativa dello "ius variandi".

Il criterio del costo standard unitario di servizio diventa quindi centrale rispondendo ad esigenze di precisione ed aggiornamento periodico e consentendo sia analisi sintetiche che confronti con benchmark omogenei.

Un gruppo di banche Cedacri

All'inizio del 2015 un gruppo di alcune banche Cedacri, già utenti dei costi standard, insieme ad altre nuove, ha promosso con il nostro supporto una serie di incontri presso la sede di Collecchio con lo scopo di:

• Allineare i criteri di uso degli standard tenendo conto di quanto richiesto dalla normativa

• Rendere gestibile il dato di costo standard integrato al controllo di gestione Cedacri (Value Manager)

• Addestrare le risorse interne di ogni banca all'uso ottimale degli standard

• Testare i confronti tra il dato di costo unitario dei prodotti/servizi e un benchmark di riferimento specifico Cedacri (primo blocco)

In particolare l'incontro del 26 novembre si propone di:

• Verificare l'omogeneità dei criteri e le integrazioni con il sistema informativo

• Impostare e sperimentare i confronti tra i dati di costo

• Impostare i programmi del 2016 e l'allargamento del confronto

Brochure incontro Gruppo di lavoro Cedacri

Gruppo di confronto e Benchmark

Banca oggi

La misura dei costi dei servizi ai fini normativi e di efficienza

11 novembre 2015  -  Hotel Galileo Milano

Corso Europa 9
20122 Milano
Ore 9.30 – 17.00

Sempre più banche usano i modelli cosiddetti "a costo standard" di matrice industriale per la misura dei costi di erogazione unitari per ogni servizio rilasciato alla clientela, il calcolo dell'efficienza, il dimensionamento delle risorse. Con questa consapevolezza, come ogni anno, creiamo più forum di incontro tra gli utenti dei nostri modelli di misura (ACTIVCOST e BENCHCOST), aperti anche a tutte le banche che intendono usarli a breve, al fine di creare un'occasione per confrontarsi, crescere e arricchire il patrimonio professionale.

Le norme formali e obbligatorie per le banche sono varie e di complessa interpretazione e vanno dal testo unico bancario, da circolari della vigilanza relative alla trasparenza a interpretazioni della magistratura, oltre che alla generale normativa dello "ius variandi".

Il criterio del costo standard unitario di servizio diventa quindi centrale rispondendo ad esigenze di precisione ed aggiornamento periodico e consentendo sia analisi sintetiche che confronti con benchmark omogenei.

Un gruppo di confronto

Nell'incontro utenti precedente, svoltosi ad aprile, è nata l'idea di andare oltre il confronto del dato di costo unitario già fornito dai modelli in essere.

Le banche vogliono capire, stante un certo risultato nel calcolo del costo, come ritenere valido tale dato e quali sono le cause di eventuali scostamenti con le medie di sistema e con i minimi e i massimi.

Si è quindi selezionato un "paniere" di prodotti e processi e su di essi e da luglio ad oggi le oltre 10 banche partecipanti hanno proceduto ad analizzare ed aggiornare con maggiore attenzione i dati e i valori.

Convegno gruppo di confronto e Benchmark

Banca Oggi: dalla misura dei costi delle operazioni, al pricing di cliente e di prodotto. Esigenze normative vigenti e controlli di viglianza.

23 APRILE 2015  -  HOTEL GALILEO MILANO

CORSO EUROPA 9
20122 MILANO
ORE 9.30 – 17.00

Da una decina di anni, gradualmente sempre più banche usano i modelli cosiddetti "a costo standard" di matrice industriale per la misura dei costi di erogazione unitari per ogni servizio rilasciato alla clientela, il calcolo dell'efficienza, il dimensionamento delle risorse. Con questa consapevolezza, come ogni anno, creiamo un forum di incontro sia tra gli utenti dei nostri modelli di misura (ACTIVCOST e BENCHCOST), sia verso tutte le banche che li usano o intendono farlo a breve, creando un'occasione per confrontarsi, crescere e arricchire il patrimonio professionale.

Di recente, l'importanza del costo standard dei servizi è determinata anche dalle esigenze di un PRICING dei servizi e dei pacchetti, che si basi su un approccio scientifico e su dati previsionali.

Le norme formali e obbligatorie per le banche sono varie e di complessa interpretazione e vanno dal testo unico bancario, da circolari della vigilanza a interpretazioni della magistratura, oltre che alla generale normativa dello "ius variandi".

Oggi è necessario per le banche rispondere alle esigenze di trasparenza e tracciabilità delle condizioni praticate ai clienti con le modalità richieste dalle nuove normative, pertanto il calcolo dei costi operativi, già presente da molti anni per ottimizzare la gestione commerciale, diventa più tassativo ed urgente e le modalità di calcolo devono corrispondere a criteri certificabili.

Il criterio del costo standard unitario di servizio diventa quindi centrale rispondendo ad esigenze di precisione ed aggiornamento periodico e consentendo sia analisi sintetiche che confronti con benchmark omogenei.

Occorre confrontare il proprio costo con quello di mercato, analizzare e documentare eventuali differenze con esso.

Il convegno si propone di:

  •  Verificare le norme e le interpretazioni
  • Definire le migliori prassi di comportamento
  • Delineare i modelli di misura adottabili
  • Evidenziare i possibili Benchmark di confronto tra i costi di diverse banche

Leggi tutto...

Gruppo di lavoro costi stadard dei prodotti/servizi per banche Cedacri

GRUPPO DI LAVORO MARZO – GIUGNO 2015

START UP NUOVA DATA 31/03/2015

OBIETTIVI DEL GRUPPO DI LAVORO

L'utilizzo dei costi standard, già praticato da alcune banche, anche Cedacri, ai fini di ottimizzare la redditività dei prodotti/servizi, diventa obbligatorio per tutte le banche nel 2014 a causa dei risvolti del testo Unico Bancario e dei richiami Bankitalia. Il giorno 11/12/2014 viene quindi presentato a Collecchio in sede Cedacri il modello ACTIVCOST che è compatibile ed integrabile al S.I. Cedacri.

Oltre a fornire il modello stesso alle banche nuove e a quelle interessate, viene attivato nel 2015 un GRUPPO DI LAVORO per rilasciare il know how ed affiancare l'avviamento. Si decide di riservarlo alle banche utenti Cedacri in modo da tenere conto delle loro peculiarità e con l'obiettivo che gli utenti operino in condizioni di completa autonomia nell'utilizzo delle applicazioni ACTIVCOST e BENCHCOST con la certezza della consistenza dei dati elaborati dalle stesse.

ACTIVCOST è una base dati interbancaria che sviluppa in modo analitico i costi dei prodotti e guida la personalizzazione.

BENCHCOST consente di confrontare i propri costi con i benchmark di mercato.

Tramite un Gruppo di Lavoro ad hoc per le Banche Utenti Cedacri si ottiene la condivisione di competenze e criticità nel processo di acquisizione di nuovi strumenti di analisi, attraverso:

• Una più rapida e puntuale comprensione delle applicazioni

• Raccordo con il controllo di gestione (cruscotto)

• L'incremento dell'accuratezza nell'utilizzo delle applicazioni

• Definizione di un catalogo di prodotti omogeneo al Sistema Informatico Cedacri e di una "Banca zero Cedacri" di riferimento

Da non sottovalutare che il lavoro di gruppo consente anche un rilevante risparmio economico unitario per ogni banca.

LA STRUTTURA DEL GRUPPO DI LAVORO

Il gruppo di lavoro è stato strutturato in 4 incontri operativi che si svolgeranno a Collecchio.

Sarà allestita un'aula provvista di collegamenti online a ciascun partecipante e gli ambienti "demo" relativi ai costi standard.

Tra un incontro e l'altro è stato predisposto un servizio di Back Office da remoto che prevede:

 Assistenza via mail/telefonica con revisione degli avanzamenti di ogni banca

 4 Mini Training Operativi, da remoto, della durata di 2h ciascuno.

Leggi tutto...